Corriere Valsesiano > Attualità > Video-denuncia per la linea Arona-Santhià
Attualità Gattinara -

Video-denuncia per la linea Arona-Santhià

Il degrado della linea ferroviaria Arona-Santhià è il protagonista del video

Il degrado della linea ferroviaria Arona-Santhià è il protagonista del video «Voi che cosa ne pensate?» pubblicato martedì sui social dal sindaco di Gattinara Daniele Baglione. Il primo cittadino ha deciso di denunciare apertamente le condizioni in cui versa la tratta che, sospesa da ormai sette anni, è praticamente sommersa dalla vegetazione. «Su questa linea» osserva Baglione «passavano tanti treni e vi potevano salire fino a 100mila pendolari all’anno, ma era anche una linea potenzialmente turistica: univa infatti Torino alla Svizzera». Il breve video si conclude con una domanda: «Ma secondo voi è normale, ci saranno dei responsabili, voi che cosa ne pensate?».
Come si ricorderà, nel marzo dello scorso anno era stata avanzata una richiesta di riapertura della linea ferroviaria; associazioni di difesa delle linee e Sindaci del territorio – insieme a tanti cittadini – avevano dato vita a una marcia da Gattinara a Romagnano lungo i binari della ferrovia.
La marcia e una petizione on line erano promosse dall’Associazione Ferrovia Internazionale Torino-Svizzera. Nell’ottica di far fronte comune, alla fine del 2017 invece era sorto il «Comitato dei Sindaci per i pendolari e il territorio». Più recentemente, l’8 febbraio la lista «Comunisti per Gattinara» ha promosso una serata di sensibilizzazione a villa Paolotti per richiedere la riattivazione della Santhià-Arona, non solo per i pendolari ma anche favorire il turismo ed è stata attivata una raccolta firme che proseguirà ancora martedì prossimo in piazza a Gattinara. Anche il Comune di Lozzolo si è reso disponibile a sostenere l’iniziativa mettendo a disposizione della raccolta firme i propri uffici.
Le petizioni verranno poi inviate al Consiglio regionale, al Ministero dei trasporti e ai vertici delle ferrovie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Prima l’abito del comitato carnevale di Borgosesia, il tradizionale costume...