Corriere Valsesiano > Attualità > Stelle di natale Igea il ringraziamento a tutti i volontari e a chi le ha acquistate
Attualità Borgosesia -

Stelle di natale Igea il ringraziamento a tutti i volontari e a chi le ha acquistate

Raccolti ben tremilatrecentocinquantasei euro

Maria Filippa Di Biase Marcon e Carmela Marsilla, Presidente e Vice Presidente dell’Associazione IGEA, Prevenzione Salute Vita ODV, a nome di tutte le preziose volontarie, ringraziano tutte le persone che hanno acquistato le Stelle di Natale, Enti, Associazioni e persone che hanno contribuito alla vendita: Pro-Loco di Roasio, Alpini e Bersaglieri di Roasio e Villa del Bosco, Pro-Loco di Lozzolo, Sindaco e Soms di Sostegno, Sindaco di Postua, Toro Auto S.r.l. di Varallo, Dott.ssa Laura Cerra, Lorella Di Rienzo.

La Stella di Natale è una pianta ornamentale originaria del Messico, nazione nella quale cresce spontaneamente e dove, allo stato selvatico, può raggiungere anche un’altezza fra i due e i quattro metri. Poiché la sua fioritura avviene in pieno inverno, quando le giornate sono più corte, viene spesso regalata a Natale come dono augurale. La sua bellezza è senza dubbio la fioritura ma, al contrario di quello che si può pensare, il fiore, con petali e sepali disposti a coppa, non è rosso, ma di colore giallo e circondato da una corona di cinque brattee rosse, o rosa, o bianche: questa pianta è dunque un invito a concentrarsi sull’essenziale, senza lasciarsi distrarre dalle apparenze, rientrando in se stessi per cogliere i frutti dell’interiorità, così come una buona luminosità favorisce la crescita rigogliosa della Poinsettia – altro nome della Stella di Natale, che deriva da Joel Roberts Poinsett, il primo Ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, il quale introdusse la pianta negli Stati Uniti nel 1825 -, che per fiorire rigogliosa deve stare anche per alcune ore al buio. 

Grazie al contributo di tutti sono stati raccolti ben tremilatrecentocinquantasei euro, con i quali l’Associazione ha contribuito all’acquisto dell’ecografo portatile di ultima generazione donato all’ospedale di Borgosesia, affinché i medici ed il personale sanitario, impegnati contro il COVID 19, possano essere sostenuti nel loro lavoro in questo momento delicato che tutti stiamo vivendo con molta difficoltà e preoccupazione. 

Piera Mazzone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Ritorno in classe in presenza dal 7 gennaio per le...