Corriere Valsesiano > Attualità > Spreco alimentare, uomo e ambiente: proseguono gli incontri tra Rotary e scuole
Attualità Borgosesia -

Spreco alimentare, uomo e ambiente: proseguono gli incontri tra Rotary e scuole

Un grazie sincero a tutti gli insegnanti e agli alunni per il loro entusiasmo

Il progetto su «Spreco alimentare. L’uomo e l’ambiente», proposto dal Rotary Club Gattinara in collaborazione col Rotary Club Valsesia, è approdato anche nelle Scuole primarie di Borgosesia, all’interno dei tre plessi: Aranco, Cancino e Centro.
Con gli alunni di quarta e quinta sono stati affrontati i temi dello spreco, mentre ai più piccoli di prima, seconda e terza sono stati presentati tanti racconti curiosi sulle tematiche ambientali: il degrado, l’estinzione di animali, la plastica e ovviamente anche lo spreco alimentare.
Ci preme evidenziare che il cibo ha un grande valore, non solo perché soddisfa un bisogno essenziale dell’uomo ma anche perché dentro al cibo c’è salute, natura, tradizioni, lavoro, insomma una parte importante della nostra cultura, per questo sprecarlo fa male a tutti.
Perché è ingiusto gettare via del cibo buono quando ancora tante persone non possono permettersi di acquistarlo. Perché i rifiuti inquinano l’aria che respiriamo e smaltirli costa caro; tanti sono quindi i risvolti economici, sociali ed etici coinvolti per questo problema.
Tutti insieme uniti e consapevoli possiamo apportare cambiamenti positivi e duraturi nelle nostre quotidianità, ma è soprattutto la sensibilizzazione delle giovani generazioni che ci darà i più alti risultati.
E’ per noi molto gratificante vedere il coinvolgimento delle classi su queste tematiche, scoprire la loro sensibilità e l’interesse che mostrano rivolgendo molte domande e facendosi poi portavoce con i genitori ai quali riportano quei semplici ma significativi comportamenti che ci aiutano a ridurre lo spreco nelle nostre case.
Un grazie sincero a tutti gli insegnanti per aver partecipato all’iniziativa e averci permesso di entrare nelle loro classi, agli alunni per il loro entusiasmo e la loro vivacità, e perché rappresentano un terreno fertile per seminare il futuro della nostra terra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Sabato 9 sono tornati in piazza (e vi torneranno ogni...