Corriere Valsesiano > Attualità > Serravalle: passerella, effettuate le prove di caratterizzazione dinamica
Attualità Bassa Valle Serravalle -

Serravalle: passerella, effettuate le prove di caratterizzazione dinamica

A settembre saranno invece effettuate le prove statiche di carico

Sono state effettuate la settimana scorsa, a cura della ditta 4emme, incaricata dalle Amministrazioni Comunali di Grignasco e Serravalle, le prove di caratterizzazione dinamica sulle campate della Passerella che collega i due paesi varcando la Sesia. A questa prima fase di studio della struttura seguiranno – nel mese di settembre – le prove statiche di carico. La successiva elaborazione dei dati consentirà ai Comuni di avere un quadro completo della situazione e farà capire se (e come) il ponte potrebbe essere riaperto al transito.

Le prove di «caratterizzazione dinamica»

Condotte dalla ditta incaricata, la 4Emme, si sono svolte martedì 4 le prove di «caratterizzazione dinamica» della Passerella che collega Serravalle e Grignasco. I tecnici dell’azienda, l’architetto Alberto Capussotto e l’ingegner Fabio Macario, hanno posizionato i sensori di rilevamento nelle varie campate. In pratica si tratta di «registratori» delle vibrazioni del ponte e i dati rilevati consentiranno di capire se le campate «rispondono» in maniera omogenea o no. Nel primo caso (valori simili) le successive tre prove di carico statiche saranno effettuate con scelta casuale delle campate, nel secondo (cioè se ci saranno valori discordanti) sulle campate dalla risposta diversa.
I dati della caratterizzazione dinamica e delle prove statiche saranno poi confrontati con quelli rilevati nel 1993 e nel 2012. Si potrà allora avere un quadro generale della situazione del ponte e vedere se e come c’è stato un peggioramento delle condizioni.

Presenti anche i Sindaci

Ai rilevamenti di martedì erano presenti anche i sindaci di Grignasco e Serravalle, Katia Bui (accompagnata dall’assessore Roberto Beatrice e dall’agente di Polizia municipale Paolo Sartori) e Massimo Basso (sul posto con il vicesindaco Guido Bondonno e l’ing. Gianfranco Peretti).
«Il piano di lavoro è stato un po’ variato rispetto alle previsioni» dice in merito all’incontro Bui «in una prima fase la ditta pensava di poter effettuare i rilevamenti dinamici dal 27 al 31 luglio e le prove statiche questa settimana, ma c’è stato un ritardo nell’arrivo dei sensori e così hanno dovuto rivedere la programmazione dell’attività. Le prove statiche sono state quindi rimandate al mese di settembre».
«Grazie ai dati che verranno raccolti, analizzati e confrontati» conclude il sindaco grignaschese «si potranno definire le condizioni della Passerella e capire come si potrebbe intervenire per ripristinare un qualche tipo di collegamento».
Per parte sua Massimo Basso tiene a sottolineare che «sulla questione, l’attenzione delle Amministrazioni di Serravalle e Grignasco non è mai mancata: è chiaro che vorremmo tutti aprire la passerella, è un collegamento storico e comodo per le due comunità. Se si potesse lo faremmo anche domani. Tuttavia, specie dopo i fatti del Ponte Morandi, sono cambiate le regole e sono necessarie attente valutazioni. Ogni possibile azione deve essere dettata da consapevolezza, serietà e buonsenso».
«Per questo» conclude «considero strumentale la raccolta firme attuata nei giorni scorsi: sembra quasi che si voglia accusare le Amministrazioni di non voler riaprire il ponte. Stiamo scherzando? Eppure il concetto dovrebbe essere chiaro e alla portata di tutti: per sapere se e in che modo riaprire il ponte dobbiamo prima verificarne le condizioni. Ne va della sicurezza di chi potrebbe transitarvi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i...