Corriere Valsesiano > Spettacoli > Cultura > «Scorci di Camasco» a Palazzo Racchetti
Attualità, Cultura Varallo -

«Scorci di Camasco» a Palazzo Racchetti

La mostra sarà visitabile fino a domani, domenica 29 settembre

Martedì 17 settembre, nel Cortile d’Onore di Palazzo Racchetti, sede della biblioteca civica, è stata inaugurata la mostra degli oli e dei disegni di Giuliana Guglielmina Ratti: «Scorci di Camasco».
L’assessore Enrica Poletti, che rappresentava l’Amministrazione Comunale, si è detta felice di scoprire che a Camasco ci sono artisti come Giuliana Guglielmina e Tiziana Munari, premiata domenica al Concorso Nazionale di Prato «Castello di Sopramonte, dove Mary Massara, che scrive anche nel dialetto di Camasco, si è aggiudicata il secondo posto nella sezione della poesia in vernacolo e Gianfranco Pavesi, di Borgolavezzaro, che soggiorna abitualmente all’Asilo Comola di Camasco, oggi Casa per Ferie, ha ottenuto il quarto premio. Per il Presidente del Consiglio di Biblioteca, Aristide Torri: «E’ facile essere artisti a Camasco: è un paese delizioso, arioso, aperto».
La serie dei diciotto disegni a matita «Scorci di Camasco» è stata realizzata per illustrare il libro di Annita Guglielmina Squaratti «Pascular…buscar… stramar. Piccola storia del Comune di Camasco»: che sarà presentato in biblioteca sabato 28 settembre alle ore 17.
Giuliana è un talento innato. Il nonno era decoratore e Giuliana ha sempre dipinto, ma non ha mai fatto mostre, soprattutto perché delle sue opere molte venivano regalate dall’artista ad amici e conoscenti, altre offerte per beneficenza, durante le manifestazioni del paese. Il pittore che preferisce è Caravaggio, con i suoi scorci drammatici, le scene dense di oscurità tagliata da un raggio di luce. Negli oli Giuliana è passata da una tavolozza molto scura ad un progressivo alleggerimento dei colori, che si sono fatti più tenui e luminosi. La sua cifra distintiva sono gli alberi, i pilastri della terra, che con le loro radici danno un senso di stabilità e di solidità, ma, io aggiungerei di tranquillità e serenità, quegli stessi sentimenti che traspaiono dall’artista, una Signora modesta, gentile, sempre pronta ad aiutare e ad intravvedere una soluzione ai problemi.
La mostra sarà visitabile fino a domenica 29 settembre, negli orari di apertura della biblioteca: dal lunedì al venerdì 14,30-18,30; martedì anche 9-12; sabato: 9-12 e 15-19; domenica 15-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
La sottosezione «Tullio Vidoni» del CAI di Borgosesia organizza per...