Corriere Valsesiano > Attualità > Salgono a 26 i guariti da Coronavirus nella Regione Piemonte
Attualità Borgosesia -

Salgono a 26 i guariti da Coronavirus nella Regione Piemonte

Ad oggi sono 6.193 le persone risultate positive

Ieri pomeriggio, mercoledì 25 marzo, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato la guarigione virologica di altre 7 persone: si tratta tre residenti in provincia di Torino (un bambino di 3 anni e due donne rispettivamente di 51 e di 58 anni), un uomo di 55 anni e di una donna di 69 anni dell’Alessandrino, una donna di 45 anni del Cuneese e di un uomo di 40 proveniente da fuori Piemonte.

Il totale dei guariti

Il totale dei guariti sale così a 26: 2 nell’Alessandrino, 5 nell’Astigiano, 3 nel Cuneese, 3 a Novara, 10 a Torino, 1 a Vercelli, 2 extra-regione.

Il totale dei decessi

Sono 34 i decessi di persone positive al test del Coronavirus comunicati ieri pomeriggio dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte: 19 in provincia di Torino, 3 nel Biellese, 7 nell’Alessandrino, 2 nel Novarese, 1 nel Cuneese, 1 nell’Astigiano e 1 residente fuori regione.

Il totale complessivo è ora di 483 deceduti, così suddivisi su base provinciale: 119 Alessandria, 16 Asti, 41 Biella, 29 Cuneo, 63 Novara, 153 Torino, 24 Vercelli, 30 Verbano-Cusio-Ossola, 8 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte.

Il bollettino dei contagi

Sono 6.193 le persone finora risultate positive al Coronavirus in Piemonte: 956 in provincia di Alessandria, 269 in provincia di Asti, 336 in provincia di Biella, 457 in provincia di Cuneo, 541 in provincia di Novara, 2.902 in provincia di Torino, 315 in provincia di Vercelli, 248 nel Verbano-Cusio-Ossola, 57 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 112 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati

I ricoverati sono 3.041, di cui 382 in terapia intensiva. Sono 2.643 le persone in isolamento domiciliare. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 17.509, di cui 10.404 risultati negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Ricette mediche via email o su telefono L’ordinanza numero 651...