Corriere Valsesiano > Attualità > Rifugio Ponasca al Monte Barone: nuovi gestori e un’avventura a lieto fine
Attualità, Cronaca Valsessera -

Rifugio Ponasca al Monte Barone: nuovi gestori e un’avventura a lieto fine

Bloccati dalla neve sono stati recuperati dall'elicottero

Due notizie «d’alta quota»: la prima è che il rifugio Ponasca al Monte Barone ha una nuova coppia di gestori; la seconda è che proprio loro hanno vissuto un’avventura fortunatamente a lieto fine. Andiamo per ordine: a occuparsi del rifugio, di proprietà del Cai Valsessera e interessato negli scorsi anni da importanti lavori di riqualificazione, saranno Mara Viganò di Mongrando e Paolo Montini di Quarona, coppia nella vita di tutti i giorni e con una grande passione per la montagna. Il rifugio aprirà i battenti a giugno. Per entrambi sarà un secondo lavoro: lei è insegnante di Scuola primaria, guida escursionistica e istruttrice di nordic walking; lui lavora come amministrativo alla Loro Piana. Il rifugio, che si può raggiungere sia a piedi che in elicottero, aprirà nei week end, mentre nel mese di agosto sarà sempre aperto.
Passiamo ora alla seconda notizia: sabato scorso Mara e Paolo hanno raggiunto il rifugio per cominciare a sistemarlo, perché dopo la chiusura invernale richiedeva pulizia e riordino. Il tempo non era dei migliori, ma i gestori sono comunque giunti nella struttura e, dopo una cena frugale, si sono coricati. Al mattino seguente hanno constatato che nella notte c’era stata una copiosa nevicata e, mantenendo sempre aperti i contatti con amici e familiari, hanno iniziato i loro lavori. Il maltempo ha concesso una tregua, ma – stanti gli accumuli di neve sui pendii e i conseguenti rischi sull’itinerario da percorrere per il ritorno – non c’erano le condizioni di una discesa in sicurezza. Quindi la coppia, su consiglio degli operatori del Soccorso Alpino, dettagliatamente informati, ha deciso di rimanere nel rifugio, attendendo l’evolversi della situazione. Nella mattinata seguente, in condizioni di bel tempo, ma con persistenti condizioni di rischio, il Soccorso ha sconsigliato la discesa in autonomia e suggerito il recupero tramite elicottero. Mara e Paolo si sono dunque messi in contatto con i Vigili del fuoco, un velivolo dei quali ha provveduto a imbarcarli e a trasportali a Valle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
«Siamo ormai a oltre metà percorso, se il tempo tiene...