Corriere Valsesiano > Attualità > Prima la sicurezza: Borgosesia annulla il Bubble football
Attualità Borgosesia -

Prima la sicurezza: Borgosesia annulla il Bubble football

Confermati invece i concerti in programma, ma con ingresso contingentato

BORGOSESIA –  Salta la prima edizione del Bubble football, il torneo di calcio a 4 e in cui i giocatori sono avvolti in enormi bolle trasparenti che si sarebbe dovuto svolgere lo scorso fine settimana in piazza Mazzini.
La decisione di annullare l’evento sportivo è stata presa dall’assessore alle Associazioni e Manifestazioni Paolo Urban, in sintonia con il sindaco e tutta la Giunta, nel nome della sicurezza pubblica: «Alla luce delle nuove disposizioni anti-Covid19 e in previsione di altre norme ancor più stringenti, abbiamo valutato che l’evento del calcio nelle bolle non sia attualmente proponibile» commenta con rammarico Urban, «soprattutto per quanto riguarda la garanzia di distanziamento tra gli atleti: mi spiace perché avevamo già avuto parecchie adesioni e c’era molta attesa per questo che è a tutti gli effetti uno spettacolo molto divertente, ma sicuramente avremo altre occasioni in futuro. In questo momento di delicato equilibrio, la priorità è la salute pubblica, e anche la tutela economica del territorio: non possiamo certo permetterci di rischiare un altro confinamento legato a una eventuale crescita dei contagi». Il dispiacere di dover annullare eventi già organizzati nei minimi dettagli è tangibile, ma non tutto è perduto: «Abbiamo deciso di mantenere gli eventi musicali» spiega infatti l’assessore, «come il Gospel Workshop (domani, 5, e 6 settembre) perché in questo caso abbiamo la possibilità di controllare il distanziamento e il numero degli accessi. Stiamo invece ancora valutando se sia possibile individuare una formula adeguata alle nuove disposizioni per quanto riguarda la Festa dello Sport, che avevamo previsto per il 12 e 13 settembre: il nostro obiettivo primario è quello di garantire ai borgosesiani l’assoluta sicurezza, per la quale occorre poter prevedere il numero di partecipanti ed esigere l’adeguato rispetto delle norme di sicurezza sanitaria». Infatti, se gli eventi sportivi rimangono per ora sospesi, una certezza per Borgosesia è rappresentata dal Gospel Workshop, un laboratorio musicale creato in collaborazione con il prestigioso «Sunshine Gospel Choir»,  con l’ambizione di gettare le fondamenta di un bel progetto rivolto al territorio, in collaborazione con l’associazione Sunrise presieduta da Luisa Patrosso. L’evento dedicato agli amanti della musica si svolgerà questo fine settimana, nelle giornate di domani, sabato 5, e domenica 6 settembre nella palestra Gagliardini (Pro Loco). «Il Sunshine Gospel Choir approda a Borgosesia in collaborazione con Sunrise APS Musica&Cultura» spiega il Maestro Alberto Borgatta, pianista e direttore d’orchestra «e grazie al contributo del Comune. Il coro torinese, già impegnato in grandi progetti live come gli spettacoli “Broadway Celebration” e “Stars-a Pop-Rock Celebration”, apprezzati in tutt’Italia, e reduce dalla partecipazione alla finalissima di Italia’s Got Talent, per la prima volta si presenta in partnership con Sunrise, una collaborazione resa possibile dalla grande disponibilità dell’amministrazione comunale di Borgosesia, che ha creduto e crede in questo progetto».
Borgatta sottolinea che la partecipazione a questa prima esperienza è riservata a un’utenza di livello medio-alto: persone che abbiano già una buona esperienza e vocalità, ma aggiunge: «Non disperate, in un prossimo futuro proporremo percorsi anche a livelli più semplici, a cui tutti potranno partecipare».

Per informazioni ed eventuali prenotazioni, occorre contattare il numero 338 2985869. I posti sono limitati. Dopo le due giornate di workshop, domenica 6 settembre, alle 18,30 al Parco Magni, si svolgerà il saggio finale del progetto, una esibizione live aperta a tutta la cittadinanza: «In osservanza alle ultime disposizioni, anche in questo caso dovremo applicare regole rigide di distanziamento sociale» spiega Paolo Urban. «Disporremo quindi circa 200 sedie, l’ingresso sarà gratuito ma occorrerà munirsi di un biglietto, che ci permetterà di contare il numero di persone che potranno accedere all’area transennata, sotto al palco dove si esibiranno gli artisti. Tengo a precisare che il Parco è comunque aperto, dunque chi vorrà sentire l’esibizione potrà farlo anche da altre aree del Parco stesso osservando però scrupolosamente le indicazioni di sicurezza: mascherine dopo le 18 e distanziamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Il Cavs Covid di Varallo, struttura preziosa durante la fase...