Corriere Valsesiano > Attualità > Libretti per ricordare il lockdown con protagonisti i bimbi dell’Asilo Nido di Gattinara
Attualità Bassa Valle Gattinara -

Libretti per ricordare il lockdown con protagonisti i bimbi dell’Asilo Nido di Gattinara

Promosso dal Comune e realizzato anche grazie alle educatrici

L’emergenza COVID ha costretto molte attività a fermarsi improvvisamente. Molti lavoratori hanno potuto svolgere il loro lavoro in modalità Smart Working dalla propria abitazione, ma purtroppo non tutte le tipologie di lavoro si adattavano alla svolgimento da remoto.
Una di queste è sicuramente la chiusura degli Asili Nido comunali che ha costretto i datori di lavoro a considerare l’attività sospesa e a lasciare a casa i dipendenti inattivi.
Il Comune di Gattinara ha, invece, ideato una serie di progetti per occupare le educatrici a favore della collettività e dei loro bimbi sfruttando la loro professionalità.
In un primo momento le educatrici sono state impegnate nella realizzazione di mascherine da distribuire alla popolazione nelle primissime giornate di lockdown districandosi tra stoffa, elastici e macchina da cucire. Non sono mancati gli invii saltuari ai genitori di video con suggerimenti su giochi o attività da far fare ai loro bimbi costretti a essere chiusi in casa.
Poi il Comune ha pensato ancora a loro, ai nostri piccoli utenti: “come fare a far ricordare ai bimbi questo insolito e stranissimo anno di asilo trasmettendo un po’ di positività?”.

È nato così il progetto: “Realizziamo un libro” personalizzato per ogni bimbo che ricordi questo bruttissimo periodo, ma facendolo apparire ai loro occhi come qualcosa di superabile, di Vincibile. Questa l’idea lanciata dalla Dirigente, un obiettivo “editoriale” che avrebbe valorizzato le professionalità delle educatrici anche nel periodo di emergenza sanitaria e, nel contempo, avrebbe permesso ai piccoli di conservare un ricordo personalizzato di questo anno della loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Ieri, domenica 21 giugno, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte...