Corriere Valsesiano > Attualità > IIS Lancia, un video per promuovere il diploma in artigiano del legno
Attualità
0 commenti.

IIS Lancia, un video per promuovere il diploma in artigiano del legno

Il corso, di durata quinquennale, partirà l’anno prossimo a Varallo

VARALLO – Un viaggio tra presente e passato che unisce una tradizione del territorio con una realtà oggi produttiva, forte, carica di fascino e di opportunità di impiego. Una professione a cavallo tra l’arte e la tecnologia, tra l’artigianato e l’innovazione. Questo racconta per immagini il video che promuove il nuovo diploma di artigiano del legno. Il corso, di durata quinquennale, partirà l’anno prossimo a Varallo, sede Formont, quale nuovo indirizzo dell’Istituto professionale “G. Magni” di Borgosesia.

Il video è stato realizzato da Matteo Ottella di Social Valet grazie al finanziamento del Comune di Varallo. Le riprese sono state effettuate nelle scorse settimane tra diverse falegnamerie e aziende valsesiane nonché nella sede del Magni in via Marconi. Interviste, momenti di lavoro, macchinari, manufatti si alternano per illustrare lo sbocco lavorativo che a livello locale, ma non solo, può avere un diploma in artigiano del legno: intervengono Andrea Santolini, titolare di Artigianarte di Bologna e presidente nazionale di CNA artigianato artistico e tradizionale; Samuele Broglio, titolare dell’omonima falegnameria di Coggiola specializzata in produzione di infissi su misura e consigliere nazionale di Confartigianato legno arredo; Roberto Multone che guida con il figlio Fabio la falegnameria Multone di Borgosesia, nonché Umberto Cassani e
Andrea Zanino della falegnameria Artelegno di Varallo. Il passato si interseca col presente grazie a rimandi alla storica Scuola Barolo e a riprese di manufatti lignei quali i pulpiti del Sacro Monte di Varallo, opera proprio di questa scuola, e il portone, l’arredo della sacrestia e il coro ligneo della Collegiata di Varallo.

Scritto da: mariafrapie@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
L’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1.617 nuovi...