Corriere Valsesiano > Attualità > FOTOGALLERY: Applausi per i 200 Alpini della Valsesiana a Savona
Attualità Borgosesia -

FOTOGALLERY: Applausi per i 200 Alpini della Valsesiana a Savona

L’appuntamento per il prossimo anno è a Verbania

Dopo Loano e Imperia, è stata Savona a ospitare, due fine settimana fa, il 22° Raduno del 1º Raggruppamento. In questa bella città, venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 ottobre c’è stata una pacifica invasione di Penne Nere e accompagnatori provenienti da Piemonte, Valle d’Aosta e Francia e da altre regioni per questo Raggruppamento nell’anno del centenario della Fondazione dell’ANA.
Del 1º Raggruppamento fanno parte Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Francia ma all’evento partecipano anche altre Sezioni e associazioni e questo conferma e rafforza i legami fra le varie Sezioni. In concomitanza con questo evento è stato consegnato il 45º Premio «Alpino dell’Anno» che per il 2018 è stato assegnato a un Alpino in armi, C.le Magg. Carmelo Virgilio il quale, in occasione dell’Operazione Strade Sicure a Milano ha difeso una donna da un’aggressione, e a un Alpino in congedo, Alessandro Fummi, promettente atleta colpito da grave malattia che si è comunque impegnato nella stesura di un libro sul Curling in Cadore e in Italia; inoltre è stato consegnato, all’Alpino Emidio Boledi, un diploma di merito per il suo impegno, come Diacono, nell’essere vicino agli anziani e agli ammalati. Per quanto riguarda la Valsesiana, presidente sezionale e consiglieri hanno raggiunto la città nella giornata di venerdì 4 per presenziare alla conferenza stampa; altri Alpini hanno raggiunto Varazze e più precisamente il Santuario della Madonna della Guardia da dove sono poi partiti, a piedi, per raggiungere Savona, insieme agli Alpini di Varazze, Celle Ligure e Albisola e dando vita al VI Rataplan «La marcia del Centenario».
Sabato mattina l’arrivo del pullman dei coristi e nel pomeriggio in Duomo i canti degli Alpin dal Rosa hanno accompagnato la Messa solenne in una chiesa gremita di fedeli e di Alpini. Un grande onore per il nostro Coro Sezionale che, come a Vercelli lo scorso anno, è stato scelto per solennizzare questa importante cerimonia. Al termine della cerimonia non sono mancati i meritati complimenti.
Altri Alpini sono arrivati sabato 5 ed erano presenti alla sfilata per l’accoglienza del Labaro Nazionale. Quindi la Santa Messa e di seguito, in piazza Mameli, per la consegna del Premio e l’omaggio floreale al monumento ai Caduti. Alle 18, come ogni giorno, la campana che sovrasta il monumento ha suonato i 21 rintocchi (uno per ogni lettera dell’alfabeto) a ricordo dei Caduti delle Guerre. Domenica mattina ecco giungere altri Alpini della Sezione e la Fanfara, tutti pronti all’ammassamento, e poi la sfilata fra due ali di folla plaudente e consapevole del fatto che, come ha sottolineato il Presidente Nazionale Favero, l’Associazione Nazionale Alpini è una realtà pressoché unica e la sua unicità è stata sottolineata anche durante l’omelia in Duomo. La nostra Sezione sfilava nel terzo settore (sei in totale); giunti allo scioglimento ognuno ha preso la propria strada sulla base dei programmi di rientro, i coristi si sono incamminati lungo il percorso e, con l’ausilio della tromba di Santucci, al passaggio delle altre Sezioni intonavano i canti fra l’ammirazione e l’emozioni degli Alpini che sfilavano e, al passaggio della Sezione di Savona che chiudeva la sfilata, tutti i sindaci della provincia presenti hanno rivolto un caloroso applauso ai nostri coristi.
L’appuntamento per il prossimo anno è a Verbania, Sezione Intra, il 18-19-20 Settembre.
Calato il sipario su questa 22ª edizione qualcuno potrebbe dire che forse potevano esserci più Alpini della nostra Sezione, può darsi, ma una cosa è certa, chi c’era ha dato dimostrazione di una Sezione precisa, disciplinata e ben inquadrata, un Consiglio Sezionale fra i più ordinati, un Coro Sezionale che ha tenuto alto il prestigio alpino, una Fanfara che ha raccolto applausi per tutta la sfilata, la Compagnia Teatrale e poi gli Alfieri coi loro Gagliardetti e i tanti Alpini, tutti coi loro bei gilet verdi con la scritta «Valsesiana» che crea un colpo d’occhio fantastico. Ancora una volta una grande emozione e un bel ricordo, grazie Alpini della Valsesiana, grazie a tutti gli Alpini presenti in questa occasione e presenti sempre ovunque serva la vostra presenza, e grazie Savona!

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
L’Istituto storico organizza a Varallo, venerdì 18 ottobre, al Centro...