Corriere Valsesiano > Attualità > Borgosesia: mamma positiva al coronavirus, sanificazione straordinaria per il centro estivo
Attualità Borgosesia -

Borgosesia: mamma positiva al coronavirus, sanificazione straordinaria per il centro estivo

La donna è in isolamento domiciliare insieme ai figli, il cui tampone è risultato negativo

BORGOSESIA – E’ stata una scelta precauzionale, quella presa dal sindaco di Borgosesia Paolo Tiramani di tenere chiuso il centro estivo cittadino nella giornata di venerdì 21 agosto per effettuare una sanificazione straordinaria.
La decisione di interrompere per un giorno le attività gestite dalla cooperativa Alemar è maturata dopo aver appreso che una signora, residente a Borgosesia e madre di due bambini iscritti al centro estivo e frequentanti le strutture del Centro e di Sant’Antida, era risultata positiva al tampone per il coronavirus. «Non appena giunta la comunicazione che una nostra concittadina era risultata positiva al covid» spiega il sindaco «siamo stati pronti a verificare quali fossero stati i suoi spostamenti e i suoi contatti negli ultimi giorni. Si tratta di una donna originaria del Bangladesh che nelle scorse settimane ha frequentato alcuni suoi connazionali in una cittadina della nostra zona. Voglio precisare che si tratta di una concittadina che da molti anni risiede a Borgosesia e che il suo contagio non è avvenuto per un rientro o perché non abbia rispettato i protocolli, semplicemente è venuta a contatto con chi aveva contratto il virus. E siccome la signora ha due figli, iscritti al centro estivo, per prima cosa abbiamo voluto sottoporre i bambini al test del tampone, risultato in tutte e due i casi negativo, e, successivamente, sanificare tutte le strutture comunali, che in questi mesi ospitano giornalmente le attività del centro estivo, per la sicurezza degli altri frequentatori. Nonostante i due bambini non possano costituire una possibile fonte di contagio, perché appunto negativi, abbiamo comunque preferito chiudere per un giorno perché venisse effettuata una sanificazione straordinaria dei locali. E’ stata una decisione precauzionale che ha sicuramente tranquillizzato le famiglie degli altri bambini iscritti». Dopo aver ricevuto l’assistenza necessaria, la signora è rientrata nella sua abitazione e si trova in isolamento domiciliare: «La mamma al momento si trova in isolamento e per lei è già in atto un servizio di cura domiciliare; per fortuna non presenta sintomi gravi. Anche i bambini rimarranno a casa nei prossimi giorni per rispettare un periodo di quarantena». Per la rapidità e l’efficacia della risposta, il sindaco Tiramani ringrazia: «Tutto si è risolto in poche ore e per questo, per la tempestività e la collaborazione, devo ringraziare l’Asl di Vercelli e l’ufficio dei Servizi sociali del comune di Borgosesia. Per fortuna siamo riusciti a isolare subito la famiglia e a garantire la sua sicurezza e quella degli altri cittadini. Per ora, questo rimane l’unico caso di contagio a Borgosesia dopo molte settimane; speriamo possa continuare così».
Da questa settimana il centro estivo cittadino ha ripreso con le normali attività che stanno accompagnando i bambini da più di due mesi e così continuerà fino alla riapertura delle scuole per il nuovo anno scolastico.

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Il Comune di Varallo ha trovato un accordo con i...