Corriere Valsesiano > Attualità > Borgosesia, al «Ferrari» lavori in corso
Attualità Borgosesia -

Borgosesia, al «Ferrari» lavori in corso

Verrà realizzata una palazzina aggiuntiva

BORGOSESIA – Al Liceo «Gaudenzio Ferrari» sono iniziati i lavori per la realizzazione della palazzina aggiuntiva, sede di laboratori e aule, che consentirà ad alunni e insegnanti di usufruire di maggiori spazi per lo svolgimento dell’attività didattica. L’intervento di ampliamento del liceo borgosesiano è stato ufficialmente presentato lo scorso 25 maggio e fa parte di un programma provinciale per l’edilizia scolastica che vedrà entro l’anno l’investimento di circa 5 milioni di euro per la riqualificazione di diversi istituti sparsi sul territorio vercellese.

Lavori per 700mila euro

I lavori al «Ferrari», il cui costo si aggira sui 700mila euro, partono dalla ristrutturazione dello «scheletro»  della palazzina esistente da cui sarà realizzato un nuovo edificio a elevatissima prestazione energetica che sarà dotato di un cappotto isolante per prevenirne la dispersione termica, al fine di ridurne il consumo energetico. A inizio mese la ditta Renzi di Tronzano, affidataria del cantiere, aveva già effettuato il sopralluogo dell’intera area avviando anche alcuni piccoli interventi che però, a causa del protrarsi di condizioni meteo avverse, si sono conclusi solo all’inizio di questa settimana. I lavori preliminari hanno riguardato lo sgombero dall’area di cantiere da piante, rovi e materiali di scarto e la successiva realizzazione di una serie di scavi atti al passaggio delle tubazioni esterne. A questi, negli scorsi giorni si è aggiunta la pulizia dei sottofondi esistenti utile alla preparazione delle nuove pose cui seguiranno i più massicci lavori di scavo che interesseranno l’area nei prossimi mesi. L’obiettivo, come detto in sede di presentazione del progetto dal presidente provinciale Eraldo Botta, sarà quello di portare a termine l’intervento entro il mese di gennaio 2021, così da consegnare gli spazi aggiuntivi alla scuola già nei primi mesi del prossimo anno, chiudendo così una pratica che da troppo tempo crea disagio a studenti e corpo insegnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Un furto che lascia senza parole quello commesso nella notte...