Corriere Valsesiano > Spettacoli > Cultura > A Coggiola venerdì 28 giugno sarà presentato il volume “Coggiola nel cuore” di Giuliana Airoldi
Attualità, Cultura Valsessera -

A Coggiola venerdì 28 giugno sarà presentato il volume “Coggiola nel cuore” di Giuliana Airoldi

“Il libro di Giuliana è una microstoria per immagini...”

A Coggiola, venerdì 28 giugno 2019, nel salone della scuola dell’infanzia “Ex asilo Don Fava”, in frazione Granero, alle ore 21, sarà presentato il volume Coggiola nel cuore. Frecce di memoria degli anni settanta, di Giuliana Airoldi.

La pubblicazione, edita dall’Istituto, propone una serie di fotografie in bianco e nero, risalenti agli anni settanta, scattate a Coggiola dalla valsesiana Giuliana Airoldi, che ha vissuto in questo paese della Valsessera una parte della sua vita.

Scrive Alessandro Orsi: «Il libro di Giuliana è una microstoria per immagini. È lo specchio di una realtà di paese colta in un momento storico di particolare effervescenza, fatta di donne e uomini impegnati nel sociale, nell’amministrazione, nelle varie attività del paese. Ci si commuove persino un po’ rivedendo persone che abbiamo frequentato, stimato, appartenenti anche al nostro passato e alla nostra formazione umana e politica. Si sente in questa raccolta di fotografie la sensibilità di Giuliana, capace di trasmettere emozioni a chi è cresciuto nella valle del Sessera».

Wilmer Ronzani sottolinea come ci sia un «filo rosso che lega le immagini di Giuliana ed è rappresentato dalla laboriosità, dalla volontà di riscatto, dall’impegno sociale e civile e dalla determinazione a non piegarsi di fronte alle difficoltà dei coggiolesi».

E il sindaco di Coggiola Gianluca Foglia Barbisin scrive: «È come ritrovare in fondo a un cassetto una vecchia busta con le fotografie che avevamo dimenticato: non si può fare altro che essere rapiti dalla magia del passato che riaffiora e che siamo portati a guardare con un po’ di nostalgia, anche se non abbiamo vissuto quei momenti. Giochiamo a riconoscere volti e luoghi, accendendo la memoria e cercando di immaginare suoni, voci e colori. E per un attimo abbiamo la possibilità di far tornare in vita persone che non ci sono più, così come non c’è più la Coggiola di quel tempo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
Diversi studi affermano che lavorare con il proprio pet migliora...